ROSALIA LOMBARDO

04.05.2018

 LA BIMBA DORMIENTE

Tanti anni fa, una bella bambina, venendo al mondo, aveva reso i suoi genitori immensamente felici; ma appena due anni dopo il lieto evento, il cuoricino della piccola cessava per sempre di battere lasciando sgomenti e annientati coloro che l'avevano immensamente amata. Questa però non è una fiaba con un triste finale bensì la vera storia di Rosalia.
Rosalia Lombardo nasce a Palermo il 13 dicembre del 1918 e i suoi genitori, Mario Lombardo, ufficiale di fanteria, e Maria Di Cara, sono immensamente felici. La coppia, alla nascita di Rosalia, non risulta unita in matrimonio, lo farà circa sette mesi dopo la nascita della piccola, e quindi sembra che l'atmosfera che c'è in questa famiglia dei primi decenni del secolo scorso sia molto serena e tranquilla, ma di lì a poco tutto cambierà. Rosalia, infatti, il 6 dicembre, poco prima di compiere il suo secondo anno di vita si addormenterà per sempre. Il decesso è causato da broncopolmonite ma la certezza non è assoluta, perché la memoria di chi ebbe modo nel corso degli anni di raccontare su questi fatti parla di difterite o tifo. Il dubbio sulla causa della morte è però legato al fatto che coloro che morivano di questo tipo di malattie, dovevano essere avvolti in un lenzuolo, impregnato di bicloruro di mercurio e trasportati con apposito carro al cimitero per la tumulazione. Quindi, se la causa del decesso di Rosalia fosse stata una di queste malattie il corpicino non avrebbe potuto ricevere il trattamento a cui fu sottoposto per volere dei due affranti genitori. Rosalia infatti venne imbalsamata, e quindi se oggi a distanza di ben 94 anni dalla morte possiamo ammirare ancora il suo visino è grazie ad Alfredo Salafia che fu sicuramente uno dei più famosi imbalsamatori dei primi del Novecento. Rosalia è sicuramente la più famosa tra le persone che Alfredo Salafia imbalsamò, ma ricordiamo anche lo Statista Francesco Crispi, il senatore Giacomo Armò, già ministro di Grazia e Giustizia e Culti e primo Presidente della Gran Corte di Cassazione, ma anche il padre e il fratello dello stesso Salafia. Questi ultimi, insieme a Rosalia, si trovano presso le catacombe dei Cappuccini a Palermo, anche se le loro salme sarebbero dovute rimanere nelle catacombe solo temporaneamente. Infatti, il permesso di sepoltura aveva carattere provvisorio in quanto non più permesso al di fuori dei cimiteri per le normative igieniche esistenti. Alfredo Salafia fu dunque colui che, grazie al suo metodo, ha regalato a Rosalia il "sonno eterno". Sembra quasi che dorma nella sua piccola bara, coperta da una lastra di vetro, le guance paffute, anche se oggi meno di alcuni anni fa, il fiocco giallo in testa a fermare una ciocca di capelli biondi, gli occhi chiusi ma quasi pronti ad aprirsi per risvegliarsi e continuare a vivere quella vita che alla piccola purtroppo fu negata. Il corpicino di Rosalia venne imbalsamato presumibilmente dopo 24 ore dal decesso nella stessa casa dei Lombardo, in piazza san Francesco di Paola, e trasportato poi nelle catacombe dei Cappuccini grazie ad un permesso del sindaco di allora Giuseppe Lanza di Scalea. Il luogo definitivo della sepoltura sicuramente doveva essere altrove ma le continue peregrinazioni della famiglia Lombardo in Italia e all'estero fecero sì che Rosalia rimanesse definitivamente nelle catacombe. Due anni dopo la scomparsa della piccola la coppia ebbe un altro figlio, e nel 1925 anche una bambina a cui fu dato il nome della sorellina scomparsa.
Ma quale era il metodo usato dal "professore" Salafia, che deve il suo titolo al lavoro svolto con successo negli Stati Uniti, dove si trasferì per alcuni anni insieme ad un nipote, Achille Salomone, suo collaboratore? Alfredo Salafia era un autodidatta, non fece studi accademici, ma la conoscenza della chimica e dell'anatomia e gli studi personali da lui compiuti attestano almeno una istruzione media. Applicò inizialmente il suo metodo su corpi animali trattandoli con una miscela di sostanze chimiche, poi nel 1900 incominciò la sperimentazione sui cadaveri umani, presso la scuola anatomica del professore Randaccio con risultati sorprendenti. I corpi che ebbe modo di trattare, anche a distanza di anni dal decesso, apparivano in un eccellente stato di conservazione, come se la morte li avesse colti poco tempo prima.
La miscela preparata da Salafia e iniettata al cadavere mediante incisione di una arteria femorale è una composizione a base di glicerina, formalina, sali di zinco, alcool e acido salicilico. Al volto si prestava maggior cura con trattamenti a base di paraffina disciolta in etere per dare turgore e rendere meno evidenti i cambiamenti post-mortali. La salma poi veniva collocata dentro una bara di vetro con coperchio di vetro saldato con paraffina, a sua volta chiusa in una cassa di legno con coperchio a cerniera.
Durante il corso di alcuni studi fatti recentemente sul corpo della piccola Rosalia, risulta evidente che cervello, fegato e polmoni si conservano ancora integri, anche se il volto si è leggermente scurito, i capelli schiariti, e gli occhi sembrano lievemente socchiusi, quasi a volersi svegliare da quel sonno eterno che ha reso questa bimba famosa in tutto il mondo. Proprio questo è stato il motivo per cui la piccola bara oggi è stata collocata all'interno di una teca di acciaio, composta da due spessi vetri che schermano l'effetto della luce e dei flash dei tanti visitatori, e l'umidità viene costantemente monitorata. Rosalia continua quindi indisturbata nel suo sonno, attorniata da circa 8000 salme, anche se è lei l'unica ad avere l'aspetto di una dormiente. Infatti, le altre salme hanno subito un processo di imbalsamazione del tutto differente, cioè svuotamento del cadavere dagli organi interni, poi i corpi posti a "scolare" per circa un anno, e quindi dopo averli lavati con aceto, riempiti di paglia e rivestiti dei loro abiti e infine collocati nelle nicchie.
Le mummie in piedi o coricate sono divise in settori, per sesso e categoria sociale anche se, visto che il metodo di imbalsamazione era piuttosto costoso, la maggior parte di esse appartengono a ceti sociali alti. Vi sono comunque anche molti frati cappuccini e infatti il primo ad essere seppellito nella cripta fu frate Silvestro da Gubbio il 16 ottobre 1599.
Ma a questo punto è lecito domandarsi dove si trova la tomba del professore Salafia, colui che aveva regalato durante la sua vita l'incorruttibilità a tanti defunti. Può sembrare un paradosso ma di Alfredo Salafia non resta più niente, neanche una tomba dove andare a deporre un fiore. Egli si spense improvvisamente il 31 gennaio 1933 a causa di una emorragia cerebrale, il suo corpo venne tumulato l'1 febbraio nel Cimitero di Santa Maria di Gesù nella cappella gentilizia della famiglia Mancino, accanto al corpo della madre, della prima moglie, e di altre tre persone tra cui il canonico Salvatore Mancino.
Ma la carenza di posti e la mancata sepoltura nella cappella di altre salme da più di 50 anni ha permesso di effettuare agli inizi di questo secolo una estumulazione, attribuendo ad altri proprietari la zona. Alfredo Salafia era stato seppellito con un abito blu e al rinvenimento del suo corpo, ad eccezione del vestito che si era conservato, non rimaneva niente altro, solo pochi frammenti ossei rendendo impraticabile una riduzione per l'ossario.
Sembra quasi una beffa del destino per l'uomo che, attraverso i suoi studi ed esperimenti, aveva dato quasi una forma di immortalità a personaggi famosi e non, fermando in una sorta di sonno eterno il fatidico momento della morte, regalando a quei volti una serenità che inesorabilmente avrebbero perso nell'arco di pochi giorni dal loro decesso.
Un ultimo pensiero và a Rosalia, piccola e dolce bimba, strappata alla vita precocemente, ma che, grazie all'opera di quest'uomo, purtroppo dimenticato dai posteri della sua città, continua con il suo dolce visino, il nasino all'insù e il fiocco giallo fra i capelli dorati, ad incantare noi uomini del XXI secolo, abituati all'era della tecnologia ma affascinati e rapiti dal "miracolo" che un uomo del secolo scorso riuscì a fare con una semplice formula, per "fermare" l' istante che nel giro di poco ci rende tutti uguali ... cenere e solo cenere .....

Zuleijka