Morrigan

17.07.2018

Morrigan, la combattiva Dea irlandese.

La "grande regina" irlandese
Morrigan è una potente divinità dal vigore guerresco facente parte della straordinaria tradizione celtica. Il nome (in irlandese antico "Mórrígan" e in irlandese classico "Móirríoghan") è stato interpretato come grande regina, derivante dal Morriganprefisso Mór- che sta proprio per "grande, importante".

Morrigan è una dea combattiva, simbolo della violenza e dell'amore carnale. Non vi è solo un'unica descrizione del suo aspetto: ella può esser vista come una donna dai lunghi capelli neri, vestita di sole piume nere, oppure come una sensuale fanciulla dai capelli rossi come il sangue.
Sebbene sia legata alla distruzione, questa dea rappresenta anche l'iniziazione: ella distrugge, sì, ma per poter ricostruire; per poter dare origine, da quelle stesse macerie, ad un nuovo ciclo, un nuovo inizio. Opposizioni forti come quella appena descritta sono peculiari della dea Morrigan poiché, alla base, è la propria personalità, la propria anima ad esser ricca di sfaccettature. L'abbiamo conosciuta assieme come un'unica, singolare dea, ma il nome di questa divinità riconduce ad altri volti femminili, altre caratteristiche, altri racconti che si intrecciano fra loro.
Morrigan (Anu), Badb, Macha e Némain.

Il contrasto descritto precedentemente lo ritroviamo con una valenza maggiore attraverso l'identificazione di Morrigan con la dea Anu, Madre degli Dei e dea della fertilità. La "grande regina", quindi, sembrerebbe non simboleggiare unicamente la distruzione, l'ira, la lotta, ma anche la vita, la passione e la benevolenza. Ciò nonostante, i nomi delle dee che si affiancano e caratterizzano la storia della grande Morrigan sono precisamente tre: Badb, Macha e Némain. Morrigan, nella sua totalità, è rappresentata come una triplice dea, assieme a Babd e Macha. Nel Lebor Gabála Érenn (Il libro della presa dell'Irlanda) Morrigan, Badb e Macha sono definite figlie della dea madre irlandese Ernmas. Le tre sorelle formano assieme la trinità Morrìgna.
ERNMASS AVEVA ALTRE TRE FIGLIE, BADB CHATHA E MACHA E MÓRRÍGAN, IL CUI ALTRO NOME ERA ANU.
La figura di Badb, proprio come quella di Morrigan, è associata alla guerra. Le sue apparizioni, sotto sembianze di una cornacchia, erano presagio di sventura. 
Alcune fonti la descrivono come una donna molto forzuta, solitamente intenta a fare il bucato nei pressi di un fiume: gli indumenti che stringe fra le sue mani e che lava con attenzione sono le vesti dei soldati che moriranno in battaglia. Anche per questo Badb rappresenta la lungimiranza, la conoscenza.
Macha è la dea che presiede la guerra, la morte ed è connessa ai cavalli e la sovranità. Sposa di Nemed, era una profetessa. Nel Cath Maige Tuired vien descritta la sua morte avvenuta, durante la seconda battaglia di Mag Tuired, per mano di Balor.
Successivamente, dopo la disfatta di Macha, al fianco delle sorelle Morrigan e Badb, ecco apparire Némain. Ella, col suono della sua voce, guidava i soldati in battaglia. Ma non solo, i suoi canti accompagnavano anche i caduti verso il regno dei morti. Spesso Némain e Badb sono state viste come la stessa, unica divinità. In generale, queste affascinanti dee irlandese, grazie alle loro caratteristiche affini, più volte sono state confuse fra loro; ciò ha reso difficile saper delineare le loro distinte e misteriose figure.


La Fata Morgana.
Morrigan, grazie alla cultura tardo-medievale, è diventata la grande Fata Morgana. Nel ciclo arturiano o bretone Morgana, sorellastra di Artù e rivale di Ginevra e Mago Merlino, è la sacerdotessa di Avalon, dotata di capacità sovrumane, tra cui quella di saper riuscire a mutare il proprio aspetto.

LadyDeath75