Lykoi Cat, il gatto lupo

18.06.2018

Una nuova razza di gatto con un tocco soprannaturale. 

È il Lykoi, un felino che ha l'aspetto di un lupo mannaro, viene infatti definito Gatto-Lupo o Gatt-Mannaro. A causa di una mutazione genetica del gatto domestico, il Lykoi non ha peli attorno a occhi, naso, orecchie e muso. È questo a dargli un aspetto che lo fa somigliare al personaggio dei fumetti Wolverine, con degli enormi occhi dorati.

Il nome Lykoi viene dal greco e significa gatto lupo. Secondo il sito ufficiale della razza, a loro piace cacciare intorno alla casa tutto ciò che possono trovare. Si mostrano estremamente cauti con gli estranei, ma sanno anche essere fedeli, dolci e molto cordiali con i loro proprietari. Il loro carattere li farebbe assomigliare più a dei cani e che a dei felini.

Magico. Soprannaturale. Inquietante. Brutto. E' appena nato e già divide in due il polo degli animalisti e della gente comune. Si chiama Likoycat. Il suo nome deriva dal greco 'lykos' e si traduce come 'lupo'. Segni particolari: non ha i peli attorno agli occhi, al naso, alle orecchie e al muso. E un mantello costantemente irregolare che durante la muta potrebbe diventare ancora più spelacchiato. Già, ma a differenza del lupo mannaro, la cui leggenda dice che esce solo durante le notti di luna piena, i Lykoicat vivono anche di giorno e sono amichevoli e giocosi oltre che molto legati e molto affettuosi verso i loro proprietari. Tanto che la loro indole, li rende più simili ai cani che ai gatti. I Likoycats sembrano essere nati da una mutazione naturale dello shorthair domestico: la caratteristica essenziale è l'assenza di un sottopelo, provocata dalla mancanza dei bulbi piliferi necessari a crearli, abbinata ad un manto grigio scuro brizzolato e a particolari colorazioni del musetto che proprio ricordano i lupi mannari dei film. Inizialmente, raccontano i "genitori" della nuova razza felina, si pensava alla loro nascita che ci fosse un qualche gene nascosto di gatto Spynx o Devon Rex, ma i test genetici ne hanno esclusa qualunque relazione. La mutazione si è avuta in più shorthair, ma resta valida solo quella degli allevatori che l'hanno segnalata come nuova razza: i gatti fondatori vengono da due cucciolate indipendenti.


Altre analisi approfondite anche sullo stato di salute dei primi micetti hanno stabilito che si trattava di animali sani e da qui l'idea di procedere con l'allevamento e la selezione controllata. Non c'è ancora uno standard riconosciuto, anche se l'obiettivo è quello, ma si possono tracciare già le caratteristiche generali dei Lykoi cats: la femmina pesa dai 2 ai 3 chilogrammi, mentre il maschio può arrivare ai 4,5 Kg. Sono piccoli, snelli, e dalla grande personalità: molto affettuosi e amano essere accarezzati. Sono intelligenti e facilmente adattabili all'ambiente che li circonda. Gli occhi sono grandi, tondi dal color giallo oro. I gatti di colore nero esprimono un modello di gatto lupo "più mannaro" degli altri dal punto di vista estetico ed è per questo che i suoi allevatori puntano a produrne solo di questo colore. Ed è proprio il colore del manto che distingue già i loro prezzi: il "lupo nero" brizzolato - raccontano gli allevatori americani - è acquistabile intorno ai 1.800 euro. Ma a quanto sembra non prima di un anno o due.

"Non c'è stato alcun intervento umano per creare il gatto. Il gene è una mutazione naturale che è apparso nella popolazione del gatto domestico. Stiamo semplicemente utilizzando la genetica dei processi naturali",spiegal'allevatore di Lycoi Johnny Gobble, del Tennessee, tra i primi a selezionare la razza.

Tutto è cominciato quando i Gobble, sua moglie Brittney e Patti Thomas hanno trovato i primi due gattini che presentavano il difetto. Hanno così creato una nuova razza, facendo in modo che gli esemplari fosseri completamente sani prima di iniziare con l'allevamento. Diversi test sono stati condotti per escludere malattie genetiche, mentre i dermatologi dell'Università del Tennessee hanno eseguito dei test per anomalie cutanee, dato lo strano mantello del Lykoi.

Hanno scoperto, quindi, che alcuni dei follicoli piliferi dei gatti non hanno tutti i componenti necessari per creare il pelo. Anche i follicoli sani non sono sempre in grado di mantenerlo. Il Lykoi può quindi diventare completamente nudo per alcuni periodo di tempo. Anche se la somiglianza è impressionante, il test del DNA ha confermato che questi gatti non sono Sphynx, la famosa razza di gatti senza pelo.

"Alla fine abbiamo scoperto che i gatti sono sani e la perdita di pelo non è dovuta ad alcuna malattia o disturbo noto. E 'stato stabilito che si trattava effettivamente di una vera e propria mutazione naturale, e il nostro programma di allevamento è iniziato", continua l'allevatore, smascherando le voci che parlavano di un'enorme bufala. Oggi i gatti-mannari, oltre a un sito, hanno anche una nutrita pagina fan su Facebook.


LadyDeath75