GERARCHIE DEMONIACHE

09.05.2018

I 7 principi degli Inferni secondo le varie culture. Partiamo dalla fascia più alta della gerarchia e dei suoi re, quindi continuiamo e parliamo di:

SATANA

Satana è l'incarnazione e la personificazione (in un angelo-demonio) del principio del male supremo, in contrapposizione a Dio, principio del sommo bene. Satana è il principe delle tenebre ed è chiamato anche Belzebù, Belial, Mefistofele o Lucifero. Nel contesto cristiano Satana, iconograficamente designato come Arcangelo del male, è la figura in netta contrapposizione con Dio. Nella Bibbia si narra che Lucifero fosse l'Arcangelo più bello, più splendente e più vicino a Dio, chiamato quindi Lucifero ("portatore di luce").

Proprio per questa sua vicinanza, credette d'essere non solo come Dio, ma più potente dell'Onnipotente stesso, peccando cosi di superbia e ribellandosi al volere di Dio, il quale lo vince e lo fa cadere dal cielo: a causa della sua ribellione, Lucifero - e gli altri angeli che lo hanno seguito nella sua sciagurata scelta di campo - è stato cacciato all'inferno dall'Arcangelo Michele, e lì soffre eternamente - come tutti i dannati - della privazione di Dio, è immerso in una infelicità incommensurabile, ed essendo congelato nel male, nutre verso tutti gli uomini, in quanto creature di quel Dio contro cui non può nulla - anche verso quegli sciagurati che lo seguono - un odio smisurato e viscerale.

ASMODEUS

Asmodeus, noto anche come Ashmadia, molto probabilmente origine dal persiano Aeshma-deva ("demone dell'ira"). Asmodeus è il demone che distrugge e soprintendente delle case da gioco. Può essere anche l'equivalente di Samael. Si dice che egli sarà quello di detronizzare Salomone, ma che Salomone lo costringerà per farsi aiutare nella battaglia per il tempio di Gerusalemme.Dopo Tobie lo espelle con la milza di un pesce affumicato da Sara, l'angelo Raffaele lo legano nel profondo d'Egitto. Secondo il Courrier de l'Egypte , la gente del paese ancora adora Asmodeus, il cui tempio si trova nel deserto del Ryanneh. Quindi lo avrebbero fatto a pezzi e fatto scomparire.

Altre leggende associano Asmodeus come il serpente che sedusse Eva. Come "Asmodai," egli è principe dei demoni. Secondo Wierus, aveva tre teste, quella di un toro, un uomo, e un montone. Ha anche la coda di un serpente, ai piedi di un oca, e fiammeggiante respiro. Egli cavalca un drago e porta una standard e una lancia. Nella gerarchia infernale, egli governa 72 legioni, ma si sottomette alla Amoymon. Quando uno lo esorcizza, si deve essere ferma e chiamarlo per nome. Dà anelli influenzati da corpi celesti, consiglia uomini a farsi invisibile, e istruisce gli uomini l'arte della geometria, aritmetica, astronomia, e le arti meccaniche. Sa anche di tesori.Il dogma di Asmodeus è tanto semplice quanto inaccettabile per la maggior parte degli individui buoni nei piani. Dà valore sopratutto all'acquisizione del potere personale e allo schiacciare sotto la propria morsa chiunque sia troppo debole per opporsi.

Astaroth

Gran duca delle Regioni Occidentali dell'Inferno e principessa incoronata, Astaroth è la nipote di Beelzebub, fratellastro di Satana, conosciuta ai Cananiti come ASTARTE, ai Sumeri come INANNA, ai Babilonesi come ISHTAR e agli Assiri ed Accadi come ASHTART, ASHTORETH, ASHERAH, e ASTORETH, agli Egiziani come ISIS, AHET e ASET, ai Fenici era conosciuta come TANIT-ASHTART e ASHTAROTH. Il suo nome Ungarico era ANAT e ai Greci era nota come ATHENA. Astaroth è una demone diurna, a capo di 40 legioni di spiriti, Tesoriere dell'Inferno. È con l'umanità fin dal principio, al fianco di Padre Satana e dei demoni di alto rango. I tre puntini agli estremi della sua stella denotano la sua importanza e il suo alto rango. Il Suo Titolo Supremo è "Regina dei Cieli", e la sua festività è il giorno di Pasqua (Easter - conosciuta in origine come "Ashtar" - le è stata rubata dai cristiani).

Astaroth risponde in modo fedele sul passato, presente e futuro, e scopre tutti i segreti. È un'eccellente insegnante di scienze libere, e fa in modo che si abbiano sogni profetici o visioni del futuro. Astaroth fornisce pensieri interiori riguardo allo sconosciuto, e consiglia gli umani che sono vicini a Satana e lavorano attivamente per lui. Ottiene amicizia di persone al potere e rappresenta lussuria e agio. Astarte era la Grande Madre fenicia e cananea, sposa di Adon, legata alla fertilità, alla fecondità ed alla guerra e connessa con l'Ishtar babilonese. I maggiori centri di culto furono Sidone, Tiro e Biblo. Era venerata anche a Malta ed Erice in Sicilia, dove venne identificata con Venere Ericina.
Astarte entrò a far parte dalla XVIII dinastia egizia anche del pantheon egizio, dove venne identificata con Iside, Sekhmet ed Hathor. In epoca ellenistica fu accomunata alla dea greca Afrodite, come Urania e Cipride (da Cipro, uno dei maggiori centri di culto di Astarte) e alla dea siriaca Atargartis, la Dea Syria dei Romani.
Suoi simboli erano il leone, il cavallo, la sfinge e la colomba. Nelle raffigurazioni compare spesso nuda ed in quelle egiziane con ampie corna ricurve, sull'esempio di Hathor.
Il nome Astarte o Ashtoret compare spesso nell'Antico Testamento. La differenza di pronuncia nell'ebraico biblico ('Aštōret invece di 'Ašteret) deriverebbe dalla sostituzione delle vocali del nome della divinità fenicia con quelle del termine bōshet ("vergogna"). A volte, come in Giudici 10:6, si incontra la forma plurale 'Aštērōt, termine indicante probabilmente divinità femminili di origine straniera, come i "Ba'alim" per Baal.Astarte era una divinità femminile siro-palestinese di cui si ha notizia fin dalla prima metà del secondo millennio a.C. Il suo culto, che penetrò anche in Egitto, fu assorbito dai Fenici che, insieme con l'alfabeto e le mercanzie, lo diffusero lungo le rotte del Mediterraneo, tramandandone, sempre secondo Erodoto, anche i riti sessuali consumati in nome di Astarte.
Al tempo dei Fenici, a Tharros, al centro della penisola di Capo S. Giovanni di Sinis, nel sud della Sardegna, pare si praticasse la prostituzione "sacra". Questa attività è stata evidenziata da una campagna di scavi dell'Istituto per la Civiltà Fenicia e Punica "Sabatino Moscati" del CNR di Roma e dalla Soprintendenza Archeologica per le province di Cagliari ed Oristano, le cui ricerche, coordinate da Piero Bartoloni, direttore dell'Istituto CNR, e da Paolo Bernardini, direttore della Soprintendenza, hanno portato alla luce vestigia murarie di un antico edificio, non necessariamente nel perimetro del nuraghe, dove sostavano viaggiatori che, fin dall'ottavo secolo a.C., si fermavano nella città fenicio-punica-romana di Tharros, dopo lunghi periodi trascorsi in mare.
Anche le statuine votive raffiguranti figure femminili di tipo ellenistico ed altri resti in ceramica di periodo punico, rinvenuti nel corso dell'attività di scavo, fanno pensare al culto di Astarte che, del resto, era abbastanza diffuso in Sardegna e forse nella zona di Cagliari, anche ad opera dei Cartaginesi, veneratori della dea.
Soltanto, però, la prosecuzione delle campagne di scavo e la definitiva interpretazione delle scritte portate in luce potrà dare la certezza che sulla collina di Tharros ci fosse un tale culto, che - secondo quanto riferisce il prof. Bartoloni - era già molto diffuso in altri porti del Mediterraneo come, per esempio, a Cipro e ad Erice, centro religioso di grande prestigio in tutta la Sicilia antica e rispettato da greci, cartaginesi e romani.
Molte fonti antiche e numerosi scavi archeologici confermano l'esistenza di luoghi di prostituzione "sacra", ma di essi non si parla in alcun documento di origine fenicia, e anche se in alcune iscrizioni puniche di Cartagine si rileva la presenza di giovani donne in servizio nei santuari dedicati alla dea Astarte, nessuna di queste fa esplicito riferimento a vera e propria attività di prostituzione "sacra".

BELFAGOR

Belfagor è la principale divinità presso alcune popolazioni semite del Medio Oriente.

Identificabile col Sole, venne adorato dai Moabiti sotto il nome di Beelfegor, dai Caldei sotto quello di Bel, Belo o Baal, dai Cananei sotto quello di Moloch.

Probabilmente con il nascere del monoteismo ebraico, in contrapposizione al politeismo dei vicini cananei, Moloch-Beelfagor divenne per gli israeliti una figura demoniaca da abbattere (si ricordino le distruzioni degli idoli cananei).

Assimilato poi dal Cristianesimo come il diavolo con il nome di Belfagor, nella demonologiacristiana viene raffigurato anche come uno dei sette principi dell'inferno. Belfagor attira le anime degli uomini e li seduce promettendogli ingenue scoperte e invenzioni che li renderanno ricchi. Secondo molti demonologi del XVI secolo, egli diviene più potente nel mese di Aprile. Egli è inoltre il demone che rappresenta il peccato mortale dell'accidia.

Etimologicamente lo si fa risalire dalle antiche lingue semitiche (come il Caldeo-Babilonese), con il termine composito di Baal-P'eor, letteralmente Signore del monte Peor.

Il nome Baal-Fagor tre la sua origine dalla divinità moaebita. Baal, presso i Canarei, era il principio generatore della natura. Citato anche dalla Bibbia, divenne famoso perchè nel periodo della peregrinazione desertica gli ebrei venerarono Baal con probabili culti orgiastici.E' il demonio delle scoperte e delle invenzioni ingegnose.Fà dono di geandi ricchezze.

Una tradizione medioevale,trasformò Belfagor in un diavolo che prende moglie sulla Terra ma poi preferisce ritornare all' Inferno, preferendolo ai tormenti della vita coniugale. In seguito ancora viene trasformato da romanzi e poemi in altro ancora, fino a divenire uno spettro come il fantasma del Louvre.

BAAL

è un re,insegna ogni genere di conoscenza, e il suo stato si trova ad Oriente. Si manifesta con tre teste: una di uomo, una di rospo e una di gatto. Ha una voce roca e conosce l'arte di rendersi invisibili che se costretto può insegnare a chi lo evoca. Demonologi precoci, ignari di Hadad, o che le istanze del termine "Ba ʿ al" nella Bibbia di cui un qualsiasi numero di divinità locali, pochi a nessuno di loro riferimento a Hadad, è venuto a considerare il termine come riferimento a un solo personaggio., Baal stato classificato come il primo re e principale in Hell, dominando l'Oriente.Secondo alcuni autori Baal è un duca, con sessantasei legioni di demoni sotto il suo comando. Il termine "Baal" è utilizzato in vari modi nel Vecchio Testamento, con il significato usuale del maestro, o del proprietario. E 'venuto a significare a volte il dio locale pagana di un particolare popolo, e al tempo stesso tutti gli idoli della terra.

Adramelek

Grande cancelliere degl'inferi, guardarobiere del sovrano dei demoni e presidente del gran consiglio dei diavoli. Adorato dagli assiri in queste città sugli altari venivano bruciati i bambini. Sembra che Adramelek prenda le sembianze di un mulo e qualche volta di un pavone:è la demonizzazione ad opera della Chiesa del Dio Cornuto, conosciuto con vari nomi (il più noto è Cernunno-Kernonnus) ed adorato in tutto il bacino del mediterraneo secondo una religione antichissima, probabilmente di origine indoeuropea. era il dio della fertilità e veniva invocato sopratutto all'inizio della primavera; negli antichi riti vi erano dei sacerdoti (ovviamente pagani) che si coprivano di una pelle animale e indossavano un palco di corna,che, entrando in estasi con l'aiuto di sostanze allucinogene impersonavano il dio davanti ai fedeli. Dato il largo seguito di questo culto (peraltro una religione estremamente gioiosa e inneggiante alla vita), il solo modo per sminuirla nell'opera di evangelizzazione europea è stato, per i predicatori cristiani dei primi secoli, quello di indicarne la divinità come il Male.

Lilith

La regina dei demoni è Lilith, pelo lungo e alato. si suppone essere stata la prima moglie di Adamo. Era stata una delle mogli di Sammael, ma di una natura selvaggia, eroica e appassionata ha lasciato marito e si unì ad Adamo. Dalla loro unione ha emesso il demoni o Shedim, che ha corso per il mondo come spiriti malvagi, perseguitare e uomini peste, e portare su di loro la malattia, la malattia, e altre sofferenze.

Lilith, come Adamo, era stato creato dalla polvere (Adamah) della terra. Ma non appena lei si era unito Adam cominciarono a litigare, ogni rifiuto di essere subordinato e sottomesso all'altro. "Io sono il tuo signore e padrone," disse Adamo ", ed è vostro dovere di obbedire a me." Ma Lilith ha risposto: "Siamo entrambi uguali, perché siamo entrambi emessi dalla polvere (Adamah), e non saranno sottomessi a voi." E così hanno litigato e nessuno darebbe dentro E quando Lilith visto questo parlava il Nome Ineffabile del Creatore e si librò in aria. Allora Adam stava in preghiera davanti al Creatore e così parlò: "O Signore dell'Universo, la donna hai dato tu mi è fuggito da me." E il Santo, benedetto sia il Suo nome, ha inviato in una sola volta tre angeli, i cui nomi erano Senoi, Sansenoi e Sammangelof, per prendere e portare Lilith fino ad Adamo. Egli ordinò loro di dirle di tornare, e se si fosse rifiutato di obbedire un centinaio di suoi figlisarebbero morti ogni giorno. I tre angeli precitati seguito Lilith, la trovarono in mezzo al mare, sulle onde potenti (che erano una volta per annegare gli egiziani).

Hanno comunicato a lei il comando dell'Eterno, ma lei rifiutò di tornare. E gli angeli parlò di questo ribelle, questo demone: "Noi ti annegano nel mare." Ma lei rispose: "Non sapete voi che sono stato creato allo scopo di indebolire e punire i bambini piccoli, i neonati e i bambini,ho potere su di loro dal giorno della nascita fino a quando non sono otto giorni di età se sono maschi,. e fino al ventesimo giorno se sono ragazze. " E quando i tre angeli sentito il suo discorso che voleva annegare con la forza, li pregò di lasciarla vivere. Lei giurò loro nel nome del Dio vivente che ogni volta che è venuto e ho visto i nomi o immagini o le facce di questi tre angeli, Senoi, Sansenoi e Sammangelof, su un amuleto o cameo nella stanza dove c'era un bambino, lei non lo avrebbe toccato. Ma perché non tornò ad Adamo, ogni giorno un centinaio di figli o spiriti e demoni muoiono.

La leggenda di Lilith e il messaggio dei tre angeli si trova in diverse fonti di tradizione rabbinica in alcune delle quali è citato dal Siracidis Alphabetum .

Il libro conosciuto come il Sefer Rasiel descrive la formula da scrivere su di amuleti o di cammei e di essere collocati nelle stanze dove ci sono neonati. Si riferisce a Lilith come la prima Eva , e il suo prestigiatori in nome dei tre angeli e l'angelo del mare al quale aveva giurato di non danneggiare le ragazze nelle cui sale si trovano scritte su carta i nomi dei tre angeli.

Lilith è dunque un demone notturno femminile, ed è anche conosciuta sotto il nome di Meyalleletho quello urlante. La femmina di demone Makhlath (la ballerina) e sua figlia Agrath sono due demoni femminili che vivono in lotta con Lilith. Lilith è accompagnato da quattro 100 e 80 schiere di angeli e spiriti maligni che distruggono, e lei è costantemente urla. Makhlath è accompagnato da quattro 100 e 78 ospiti di spiriti maligni. Lei e sua figlia Agrath, dalla parola Zend Agra = pestaggio, sono in costante inimicizia con Lilith. Costante è la guerra combattuta tra loro, e si incontrano il giorno dell'espiazione. Mentre sono così impegnati in lite e discordia, le preghiere di Israele salire al cielo, mentre gli accusatori sono assenti, a pena di enaged.

Agrath comanda schiere di spiriti maligni e demoni, e di passeggiate in un grande carro. Il suo potere è pararnount il mercoledì e il sabato, per Agrath in questi giorni, la figlia di Makhlath, spazia su in aria accompagnati da diciotto miriadi di spiriti maligni.

Naamah

Naamah è un individuo menzionato nella Bibbia ebraica. Un discendente di Caino , era l'unica figlia del citato Lamech e Zilla. Naamah, "la bella", ha ottenuto il suo nome dai suoni dolci, che trasse dai suoi piatti quando ha chiamato i fedeli per rendere omaggio agli idoli. Dio formò Lilith, la prima donna, così come aveva formato Adamo, ma usando soltanto sedimenti e sudiciume invece di polvere pura. Dall'unione di Adamo con questa demone, e con un'altra chiamata Naamah, nacquero Asmodeo e innumerevoli demoni che ancora piagano l'umanità.  


LadyDeath75